Interviste

Alessio Buzzo: “La Final Six è la prima soddisfazione dell’anno”

alessio-buzzo-ghosts-padova

E’ festa grande in casa Ghosts Padova dopo l’ottimo weekend che ha permesso ai patavini di conquistare l’accesso alla Final Six di Coppa Italia.

PADOVA – E’ festa grande in casa Ghosts Padova dopo l’ottimo weekend che ha permesso ai patavini di conquistare l’accesso alla Final Six di Coppa Italia, insieme a Cittadella e Cus Verona (Girone C). Tre vittorie ed una sconfitta, un bottino piuttosto positivo che interrompe la striscia negativa di inizio Campionato.

In esclusiva, abbiamo intervistato Alessio Buzzo, Commissario Tecnico dei patavini, per analizzare insieme la stagione dei giovani “fantasmi”.

Durante l’estate, il Padova, ha rischiato di non iscriversi al massimo Campionato di Serie A. In extremis è arrivata, invece, la notizia tanto attesa da tutti i tifosi patavini e adesso siete tra le migliori 6 squadre italiane che disputeranno la prossima Final Six di Coppa Italia. Quali sono le tue sensazioni a caldo?

“Effettivamente la nostra estate è stata piuttosto movimentata e di conseguenza anche la costruzione della squadra è partita tardi. Fortunatamente oltre a me è stato coinvolto Andrea Benvegnù nel ruolo di DS. Con lui siamo amici da più di vent’anni e l’intesa sul progetto è stata immediata. Questo ci ha consentito di recuperare parte del tempo perduto e allestire una squadra competitiva nonostante il budget estremamente ridotto. La qualificazione alla Final Six di Coppa Italia è la prima soddisfazione dell’anno, ma confidiamo ce ne siano altre”.

Dopo un inizio di Campionato un po’ sfortunato, può questo risultato, dare un repentino cambio di rotta alla stagione dei Ghosts Padova?

“Si il nostro inizio è stato molto travagliato. Durante la preparazione ci è venuto a mancare il nostro giocatore più rappresentativo, Samuele Baldan, che ha avuto un infortunio sul lavoro e sarà distante dalla pista per almeno un altro mese. Le prime due partite non sono andate benissimo, pur esprimendo, a mio avviso, un buon gioco abbiamo pagato la nostra scarsa vena realizzativa. Durante la Coppa le cose sembrano essere migliorate e sono fiducioso per il futuro”.

Venerdì scorso la società ha ufficializzato l’acquisto dell’attaccante sloveno Tadej Nabergoj. Come si sta integrando con il gruppo? Può essere lui l’uomo giusto per guidare i Ghosts verso traguardi più ambiziosi?

“L’arrivo di Nabergoj è stato necessario per colmare le lacune della fase realizzata di cui accennavo prima. Io e Benvegnù abbiamo cercato un attaccante italiano ma a settembre trovare qualcuno ancora disponibile era molto difficile. Ci siamo orientati su Tadej perché lo conoscevamo di “fama” per essere oltre che un bravo attaccante anche un bravo ragazzo. Condizione indispensabile per inserirsi in un gruppo dove l’età media è al di sotto dei 19 anni. Purtroppo reperire i fondi per ingaggiare un giocatore straniero ha richiesto del tempo e molto lavoro ed è stato possibile averlo con noi solo ora. Ad ogni modo questi due giorni a Cittadella sono stati molto utili per inserirlo in squadra e assaggiare le sue potenzialità. Sono sicuro che appena entrerà in condizione ci darà un grosso contributo”.

Sabato si torna in pista per la 3° giornata del massimo Campionato di Serie A. Al Palaraciti ospiterete il Cus Verona di Cristian Rela. Che partita ti aspetti?

Sabato ospiteremo il Verona. Credo che la cilindrata della squadra di Rela sia obiettivamente superiore alla nostra. Ad ogni modo andare in campo per perdere non è nella mia natura e nemmeno in quella dei nostri ragazzi. Faremo come al solito del nostro meglio consapevoli che partite di questo tipo servono per crescere ed imparare. Perciò Forza Ghosts!

Credits: Marco Carron

Articoli Correlati

Nations Cup: Il bilancio di Kaltbrunn; azzurri sem... E' andato in scena, nel weekend, alla Raiffeisen Arena di Kaltbrunn (in Svizzera), il torneo internazionale che ha visto impegnate le nostre Nazionali...
Femminile: Le Taurus Buja si aggiudicano lo scudet... Nell'ultimo atto della stagione 2016/2017 del Campionato Femminile di hockey inline (Final Four), disputato alla MeranArena di Merano, le Taurus Buja ...
Serie A, Finale Scudetto: Milano in festa; arriva ... Al Palahockey di Cittadella, il Milano Quanta alza al cielo il sesto scudetto consecutivo, al termine di una Gara 4 che ha regalato emozioni e spettac...
Serie A, Finale Scudetto: Milano in vantaggio 2-1 ... Al Quanta Club di Via Assietta, il Milano ribalta il punteggio della serie e si porta ad una lunghezza di vantaggio sul Cittadella. La vittoria di mis...
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top