Interviste

Speciale Mondiali 2016: Cristiano Sartori racconta l’argento degli azzurrini

Cristiano Sartori, Commissario Tecnico della Nazionale Italiana U20

A distanza di un mese dai Mondiali di Asiago e Roana, Cristiano Sartori, racconta la gioia degli azzurrini, alla loro prima storica medaglia d’argento.

L’esperienza azzurra ai Campionati Mondiali di Asiago e Roana si è conclusa con ben 3 medaglie d’argento. Un’edizione da record, tra le più seguite ed avvincenti di sempre. A distanza di un mese, Cristiano Sartori, Commissario Tecnico della Nazionale Italiana Junior (Maschile), racconta la gioia degli azzurrini, alla loro prima storica medaglia d’argento.

L’avventura della Nazionale Italiana Junior (Maschile) si è conclusa con un’ottima medaglia d’argento che migliora il risultato ottenuto lo scorso anno a Rosario. Che esperienza è stata quella di Asiago/Roana e quali sono state le emozioni più belle di questo Mondiale?

Giocare un mondiale in casa è un’emozione unica e difficile da spiegare perché vuoi e pretendi di fare bella figura e non sfigurare davanti al paese in cui vivi e agli occhi degli amici di sempre. Devo dire che abbiamo lavorato bene (tutto lo staff) e che siamo riusciti, grazie a un duro lavoro, a portare i ragazzi all’appuntamento mondiale in ottima forma e pronti per lottare su ogni disco e ciò mi rende felice e orgoglioso. Credo che la medaglia d’argento sia un risultato ottimo ottenuto grazie a uno staff meraviglioso, a un collega eccezionale (Luca Rigoni) e a dei ragazzi fantastici e uniti come una vera famiglia. L’emozione più grande è stata aver battuto la Francia ai supplementari, una partita che ci ha poi permesso di lottare per una medaglia.

Il gruppo è sicuramente cresciuto, lo dimostra anche il risultato ottenuto in finale contro la Repubblica Ceca (4-3). Cosa è mancato agli azzurrini per arrivare alla medaglia d’oro?

L’hockey in line italiano è in crescita soprattutto a livello giovanile. Certo aver avuto 8 giocatori con alle spalle già uno o più mondiali ci ha sicuramente reso la vita più facile anche se devo dire che comunque avevamo una squadra giovane. Credo che nessuno avrebbe pensato di arrivare dove siamo arrivati ma penso anche che una volta in finale ce la siamo giocata fino all’ultimo secondo senza aver niente da rimproverarci. L’unico rammarico è che personalmente nel primo tempo non sono riuscito a dare ai ragazzi quella fiducia nei propri mezzi dimostrata nel secondo tempo e che forse avrebbe cambiato qualcosa. Credo comunque che siamo in crescita e che siamo diventati una squadra che fa paura a tutti.

Anche quest’anno sono tanti i talenti messi in mostra dalla Nazionale U20. Su tutti la conferma di Tobia Vendrame, protagonista anche con la maglia della Nazionale maggiore. Come commenta la sua duplice prestazione mondiale?

Giocatori come Tobia sono veramente rari e penso che a livello giovanile sia il giocatore più forte al mondo. Sono fiero di allenarlo perché nonostante la giovane età lavora seriamente e con serenità.

Uno sguardo al futuro. L’Italia ha mandato un chiaro segnale alle grandi di tutto il mondo. Possiamo auspicarci di vedere altri risultati di questo tipo?

L’Italia ha fatto un ulteriore passo avanti e credo che lavorando seriamente come abbiamo fatto negli ultimi anni la medaglia d’oro non sia più così irraggiungibile.

Domanda personale. Il futuro di Cristiano Sartori sarà ancora sulla panchina dei Vipers nella prossima stagione?

Sinceramente non so ancora dove e se allenerò la prossima stagione. Non ho ancora ricevuto nessuna richiesta e non ho parlato con nessuno. Sicuramente una stagione come quella dall’anno scorso non la faccio.

Credits: Roberta Strazzabosco

Articoli Correlati

Nations Cup: Il bilancio di Kaltbrunn; azzurri sem... E' andato in scena, nel weekend, alla Raiffeisen Arena di Kaltbrunn (in Svizzera), il torneo internazionale che ha visto impegnate le nostre Nazionali...
Femminile: Le Taurus Buja si aggiudicano lo scudet... Nell'ultimo atto della stagione 2016/2017 del Campionato Femminile di hockey inline (Final Four), disputato alla MeranArena di Merano, le Taurus Buja ...
Serie A, Finale Scudetto: Milano in festa; arriva ... Al Palahockey di Cittadella, il Milano Quanta alza al cielo il sesto scudetto consecutivo, al termine di una Gara 4 che ha regalato emozioni e spettac...
Serie A, Finale Scudetto: Milano in vantaggio 2-1 ... Al Quanta Club di Via Assietta, il Milano ribalta il punteggio della serie e si porta ad una lunghezza di vantaggio sul Cittadella. La vittoria di mis...
2 Comments

2 Comments

  1. Vittorio

    19 luglio 2016 at 19:52

    Dido, lanno scorso i ragazzi hanno giocato anche per te. Non una gran bella frase la tua.

    • Dido

      20 luglio 2016 at 11:45

      Guarda…se fosse da allenare quei ragazzi tutti i giorni ti assicuro che lo farei con gioia perché sono fantastici…i problemi sono altri già da un bel po’ di tempo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top